12 maggio, Commento al vangelo di oggi – dal Calendario del Patrono d’Italia, EBF Milano

Pubblicato giorno 12 maggio 2020 - ARTICOLI DEL BLOG, Il Vangelo di oggi

il vangelo di oggi
Condividi su:   Facebook Twitter Google

Vi lascio la pace, vi do la mia pace.

Non come la dà il mondo, io la do a voi

 

 

Gesù promette il dono della pace nel momento in cui sta per essere tradito e i discepoli entreranno nella notte del rinnegamento e del peccato, là dove vi è assenza di pace. Shalom sarà anche la prima parola del risorto ai suoi.

La pace non nasce da situazioni esterne favorevoli, non è assenza di conflitto: essa scaturisce da un amore che sa essere più forte dell’odio, della divisione, della differenza. Gli uomini di pace sono coloro che hanno imparato a combattere la guerra dentro se stessi, a disarmarsi, a vivere, come Francesco d’Assisi, da minori.

Allora nulla potrà togliermi la pace e potrò rispettare e stimare l’altro non perché lo merita ma semplicemente perché uomo, infinitamente amato da Dio.