19 marzo, Commento al vangelo di oggi – dal Calendario del Patrono d’Italia, EBF Milano

Pubblicato giorno 19 marzo 2020 - ARTICOLI DEL BLOG, Il Vangelo di oggi

il vangelo di oggi
Condividi su:   Facebook Twitter Google

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 1,16.18-21.24

Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo. Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore.

Giuseppe aderisce con amore alla sua vocazione e missione. Uomo fedele e saggio, è per noi modello di sequela del Signore; prende con sé Maria e Gesù, crescendo insieme a loro nella fede.

Sposo innamorato e rispettoso, figura del giusto giudice, che discerne con giustizia e amore, obbedendo a Dio, senza condannare: è già l’uomo evangelico. Permette a Dio di agire nel nascondimento e nel silenzio.

Per il suo sì, come per l’eccomi di Maria, Gesù nascerà, crescerà, maturerà, vivrà e morirà come salvatore del popolo, di tutti i popoli. Gesù da bambino, ragazzo, giovane, uomo avrà certamente imparato tanto da lui: credere, lavorare, amare, rispondere a Dio.

San Giuseppe accompagni e custodisca anche noi nella nostra vocazione di figli di Dio e nella nostra missione di testimoni di Gesù salvatore.