29 aprile – Santa Caterina di Siena, patrona d’Italia e d’Europa

Pubblicato giorno 29 aprile 2019 - ARTICOLI DEL BLOG, Briciole di pensieri

pexels-photo-220483
Condividi su:   Facebook Twitter Google

Santa Caterina da Siena, Invocazione alla Trinità,Orazione XXIV

 

Potenza del Padre eterno, aiutami;
sapienza del Figliuolo, illumina l’occhio dell’intelletto mio;
clemenza dolce dello Spirito santo, infiamma e unisci il cuore mio in te.
Confesso, Dio eterno, che la potenza tua è potente e forte a liberare la Chiesa
e il popolo tuo e trarlo delle mani del demonio
e cessare la persecuzione della santa Chiesa,
e a me dare vittoria e fortezza contro i nemici miei.
Confesso che la sapienza del tuo Figliuolo, che è una cosa con te,
può illuminare l’occhio dell’intelletto mio e quello del popolo tuo
e levare la tenebre della dolce sposa tua.
Confesso ancora, dolce eterna
bontà di Dio,
che la clemenza dello Spirito santo e affocata tua carità
vuole infiammare e unire il cuore mio in te
e i cuori di tutte le creature che hanno in loro ragione.
Dunque ti costringo,
poi che Tu sai e puoi e vuoi,
la potenza di Te, Padre eterno,
la sapienza dell’unigenito tuo Figliuolo per il prezioso sangue Suo,
e la clemenza dello Spirito santo, fuoco e abisso di carità
che tenne lo stesso tuo Figliuolo
confitto e chiavellato in croce,
che tu faccia misericordia al mondo
e renda il calore della carità con pace e unione nella santa Chiesa.
Doimé, io non voglio che t’indugi più:
ti prego che la infinita tua bontà ti costringa a non chiudere l’occhio
della tua misericordia.
Iesu dolce, Iesu amore.