Alza lo sguardo! Passare dal lamento al tempo della lode – Omelia di p. Gaetano Piccolo SJ per la domenica dell’Ascensione

Pubblicato giorno 31 maggio 2019 - ARTICOLI DEL BLOG, Omelie di p. Gaetano Piccolo SJ

Gaetano
Condividi su:   Facebook Twitter Google

 

 

«E lodarti, ecco ciò che vuole l’uomo, piccola parte della tua creazione».

Sant’Agostino

 

Un quadro desolante

Nella gara della vita, le logiche del mondo sembrano trionfare. Vincono sempre i violenti, gli arroganti, gli arrivisti, coloro che costruiscono il loro successo sul disprezzo e sull’infelicità degli altri. Chi invece affronta la vita con umiltà, cercando di evitare il male, chi è generoso, chi non cerca di danneggiare gli altri, finisce spesso con il soccombere. Sembra che questo mondo sia prigioniero di logiche perverse e inspiegabili.

Di fronte a questa lotta, il nostro sguardo spesso si ripiega. Diventiamo tristi, sgomenti. Gli occhi diventano prigionieri della terra e trasformiamo la vita in un lamento che non sa vedere più oltre. Quel sentimento che fu di Leopardi continua ad abitarci e forse anche nei nostri pensieri ritornano le parole che chiudono il Canto notturno di un pastore errante dell’Asia:

«Forse in qual forma, in quale

stato che sia, dentro covile o cuna,

è funesto a chi nasce il dì natale».

 

Alzare lo sguardo

Alla fine del Vangelo, i discepoli sono invece invitati ad alzare lo sguardo e a smettere di lamentarsi per rendersi conto che il Signore non li ha abbandonati, CONTINUA A LEGGERE