Entra senza guardare! La paura di essere visti così come siamo – Omelia di p. Gaetano Piccolo SJ per la V domenica anno B

Pubblicato giorno 5 febbraio 2021 - ARTICOLI DEL BLOG, Omelie di p. Gaetano Piccolo SJ

Gaetano
Condividi su:   Facebook Twitter Google

 

Gb 7,1-4.6-7   Sal 146   1Cor 9,16-19.22-23   Mc 1,29-39

«Non è spietato il medico che toglie al malato i frutti nocivi: ti ha tolto quella funesta sicurezza che cercavi di conquistare».

Sant’Agostino, Discorso 346/A, 8

La parte peggiore

Di solito, se possiamo scegliere, preferiamo mostrarci agli altri nei nostri lati migliori. Le nostre pagine social pullulano dei nostri scatti più riusciti, ci mostrano sorridenti, realizzati, circondati dall’affetto degli amici. Raramente abbiamo il coraggio di mostrarci nei nostri momenti di solitudine, per lo più non sveliamo le nostre lacrime, tendiamo a nascondere  i momenti in cui ci sentiamo inadeguati. Per usare un’immagine di altri tempi, è come se guardando dallo spioncino della porta, decidessimo di aprire solo quando ci sentiamo presentabili. Probabilmente, se la suocera di Pietro avesse avuto il tempo di guardare e di rendersi conto degli ospiti in arrivo, non avrebbe aperto. Per fortuna Gesù arriva nella nostra vita senza preavviso. Entra senza imbarazzo nelle nostre malattie e nelle nostre fragilità. CONTINUA A LEGGERE
Leggersi dentro

  • Se Gesù entrasse oggi nella tua vita, come la troverebbe?
  • In che modo il Signore ti sta chiedendo di diventare spazio affinché anche altri possano essere guariti?