Il Magnificat di santa Chiara – Primo giorno della novena, 2 agosto

Pubblicato giorno 2 agosto 2018 - ARTICOLI DEL BLOG, Novene

sChiara_sErminioPG
Condividi su:   Facebook Twitter Google

Oggi, celebrando la festa di S. Maria degli Angeli alla Porziuncola, ricordiamo la piccola chiesa umbra dedicata alla Vergine Maria e amata da tutto l’Ordine francescano, in cui Francesco ottenne dal Papa l’indulgenza del Perdono d’Assisi, e dove Chiara si offrì al Signore cantando il suo Magnificat.

Ecco, in questi giorni desideriamo ascoltare questo suo canto unito al Magnificat della Vergine Madre, della quale Chiara è “impronta” (FF 3153).

“L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio Salvatore”

 C’è una gioia che si alimenta nella contemplazione e si espande nel canto, esultando per tutte le opere del Signore, perché ogni cosa parla della sua bontà e bellezza.

Chiara è una donna lieta e sensibile alla bellezza del creato, ama i fiori e cura con gioia il suo giardinetto, invita le sorelle esterne a lodare Dio per la natura rigogliosa che incontrano lungo la strada:

“le ammoniva che quando vedessero gli arbori belli, fioriti e fronduti laudassero Iddio; e similmente quando vedessero gli omini e le altre creature, sempre de tutte e in tutte le cose laudassero Dio” (FF 3112).

La gioia nasce dalla conoscenza di Dio come Padre e porta alla gratitudine.  E Chiara esulta nella gioia, scrivendo ad Agnese di Praga, e la invita a fare altrettanto: “Gioisci anche tu nel Signore sempre, o carissima. Non permettere che nessun’ombra di mestizia avvolga il tuo cuore, o signora in Cristo dilettissima, gioia degli angeli e corona delle tue sorelle” (FF 2887).

Chiara è piena di gioia anche nella comunione con le sorelle e nel farsi piccola di fronte alla bontà di Dio, Padre delle misericordie, che la ricolma di benefici, come esprime nel suo Testamento: “Tra gli altri benefici, che abbiamo ricevuto ed ogni giorno riceviamo dal nostro Donatore, il Padre delle misericordie, per i quali siamo molto tenute a rendere a Lui glorioso vive azioni di grazie, grande è quello della nostra vocazione. Dobbiamo, perciò, sorelle carissime, meditare gli immensi benefici di cui Dio ci ha colmate” (FF 2823.2825).

  • Qual è il segreto della mia gioia?

2 agosto: Come Maria, Chiara gioisce per le tue meraviglie. Rendi anche noi, o Padre, aperti a riconoscere la tua opera di salvezza nella nostra vita, per magnificare sempre il tuo santo nome.