Il Magnificat di santa Chiara – Secondo giorno della Novena, 3 agosto

Pubblicato giorno 3 agosto 2018 - ARTICOLI DEL BLOG, Novene, S. Chiara d'Assisi

sChiara_sErminioPG
Condividi su:   Facebook Twitter Google

“Perché ha guardato l’umiltà della sua serva: d’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata”

“Dio guarda dal cielo, egli vede tutti gli uomini”. Dio guarda le innumerevoli stelle e il suo sguardo si ferma su un piccolo punto, la Terra, e su una piccola luce: Maria. Dio se ne innamora e la sceglie come l’unica immacolata madre del suo Verbo.

Chiara d’Assisi è un’altra donna che Dio guarda con amore immenso. E’ “l’altra Maria”.

Luminosa per chiari meriti, fu l’albero alto, proteso verso il cielo, dai rami dilatati, che nel campo della Chiesa produsse soavi frutti di religione. Nuova donna della valle spoletana, sorgente d’acqua vitale, eccelso candelabro di santità nel tabernacolo del Signore,  al cui grande splendore molte accorrono per accendere a quel lume le loro lampade(FF 3294-3295). Ecco il riconoscimento della Chiesa nella Bolla di canonizzazione: Chiara è paragonata a una vivida luce che nei secoli attirerà tante sorelle al Signore, animate dal proposito di vivere il Vangelo in unità e con voto di altissima povertà.

Vivendo con Dio, da Lui Chiara attinge la forza e l’amore che esprime nelle lettere ad Agnese di Praga, comunicandole il suo spirito e mostrandole la bellezza della vocazione. Chiara si rallegra con lei per aver scelto Cristo Signore come sposo e, sullo sfondo del Cantico dei Cantici, le scrive: “Ormai stretta nell’amplesso di Lui, Egli ha ornato il vostro petto di pietre preziose, alle vostre orecchie ha fissato inestimabili perle e tutta vi ha rivestita di nuove e scintillanti gemme, come a primavera, e vi ha incoronata di un diadema d’oro, inciso col simbolo della santità. Perciò, sorella carissima, o meglio signora degna di ogni venerazione, poiché siete sposa, madre e sorella del Signor mio Gesù Cristo, riempitevi di coraggio nel santo servizio che avete iniziato per l’ardente desiderio del Crocifisso povero” (FF 2862-2863).

  

  • Quale luce è per me oggi Chiara?

O Padre, tu guardi ogni uomo con tenero amore. Aiutaci a riconoscere il dono di chi ci sta vicino per crescere insieme nella tua lode e, per intercessione della Madre santa Chiara, rendici luce di speranza per il nostro tempo.