La strada si è aperta! Ritiri al monastero, testimonianza di Silvana

Pubblicato giorno 19 agosto 2017 - ARTICOLI DEL BLOG, Ritiri per ragazze - Testimonianze

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Cosa è stata per me l’esperienza di Borgo …

Bè, innanzitutto … del tempo che mi sono regalata: avere un appuntamento mensile in cui staccare da tutto e da tutti è stata un’occasione preziosa per fermarmi e mettermi al centro di tutto nel senso che il fine settimana a Borgo era un tempo tutto dedicato a me.

Ma in questo dedicarmi del tempo non ero sola: c’erano le Clarisse (e in particolare Costanza), suor Licia, i frati, le compagne di cammino tra cui un’amica speciale, Nicoletta …Questo non essere sola è stato davvero importante: direi che è stato del tempo che mi sono regalata nella condivisione! Proprio nella condivisione con gli altri (penso a quella seria dei momenti di preghiera comunitaria e di confronto ma anche a quella conviviale dei momenti dei pasti) e negli spazi di silenzio personale (penso ai momenti di deserto e a quelli di preghiera) la strada si è aperta.

Non dico che alla conclusione del percorso tutto è stato chiaro ma, certamente, quanto ho vissuto ha contribuito a chiarire, a portare serenità e voglia di concretizzare la mia vocazione.

Più passano gli anni più mi rendo conto come le occasioni per guardare al nostro cammino dall’esterno, da un’altra prospettiva, sono davvero indispensabili: ci aiutano a relativizzare, a renderci conto di quali sono le cose che davvero contano, a fare chiarezza.

Certamente l’esperienza di Borgo, per me, è stato anche questo: un’occasione per guardare con occhi diversi il mio cammino, nel Silenzio e nella Serenità del Monte …

Silvana