Lettera di Pasqua 2018

Pubblicato giorno 25 marzo 2018 - ARTICOLI DEL BLOG, Lettere circolari

Condividi su:   Facebook Twitter Google

 

La vita è molto oscura, ma c’è un battito del cuore che non inganna

e che di anno in anno, attraverso le settimane di quaresima,

conduce alla Pasqua.

 

Sergej Fudel’

 

 

Santa Pasqua 2018

 

Carissimi fratelli e sorelle,

il Signore vi dia pace!

Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il momento della salvezza! Con queste parole la liturgia ci ha introdotti nella Quaresima, venendo a bussare alle porte del nostro cuore con una buona notizia. In un’epoca come la nostra, in cui il tempo è soprattutto avvertito pressante e affannoso, la madre Chiesa ci viene incontro con il dono di un tempo che, invece, è a favore della nostra vita, e non suo nemico.

Il tempo della Quaresima ci prende per mano e, se ci lasciamo condurre, ci indica e ci porta nella direzione a cui il nostro cuore nel suo profondo anela. Il battito del cuore non ci inganna e ci spinge alla Pasqua, all’incontro con Gesù risorto. Ecco l’esito del dono di questo tempo favorevole!

Alla fine del cammino della Quaresima, simbolo della nostra esistenza, ci attende con la mano tesa il Risorto, che vuole afferrarci e coinvolgere la nostra vita con la sua. Vuole liberarci dai nostri affanni, dalle nostre paure, dai nostri lutti, per vivere alla luce del suo amore più forte della morte, per credere che la parola definitiva sull’oscurità della vita è quella della Risurrezione.

Lasciamoci afferrare dal Risorto, lasciamo che sia Pasqua! È il nostro augurio e la nostra preghiera per ciascuno di voi.

Buona Pasqua!

Con amicizia e gratitudine

 

le vostre sorelle Clarisse