Novena dell’Immacolata – 29 novembre: Rallegrati, figlia di Sion

Pubblicato giorno 28 novembre 2019 - ARTICOLI DEL BLOG, La preghiera, Novene

imma
Condividi su:   Facebook Twitter Google

 

Maria Immacolata è venerata come Regina e Patrona degli Ordini nati dal carisma che, per il bene della Chiesa, Dio ha elargito a san Francesco e santa Chiara.

Alla sua intercessione ci affidiamo in questa Novena, portando in cuore quanti si affidano alla nostra preghiera, affinché ci aiuti a fare della nostra vita un’opera bella nell’amore, per la gioia e la gloria di Dio.

 

29 novembre

RALLEGRATI, FIGLIA DI SION

 

Gioisci, esulta, figlia di Sion, perché ecco, io vengo ad abitare in mezzo a te, oracolo del Signore.

Nazioni numerose aderiranno in quel giorno al Signore e diverranno suo popolo ed egli dimorerà in mezzo a te e tu saprai che il Signore degli eserciti mi ha inviato a te”.

 

Nessuna creatura fu mai così vicina a Dio come la beata Vergine Maria. Chi più puro? Chi più irreprensibile? Quale prodigio!

Nel suo immenso amore per gli uomini, Dio non si è vergognato di prendere come Madre Colei che era sua creatura.

Veramente a Maria si applicano le parole del profeta Zaccaria: “Canta inni, rallegrati, o figlia di Sion, perché ecco che vengo ad abitare in mezzo a te, dice il Signore”.

Ed è ancora a Lei che si rivolge Gioele allorché esclama: “Non temere, terra, ma rallegrati e gioisci poiché cose grandi ha fatto il Signore”.

Esulta, casa del Signore,

terra che Dio ha sfiorato con i suoi passi.

Tu che hai contenuto nella tua carne

Colui la cui divinità sorpassa l’universo.

Da te, Colui che è la Divinità stessa

ha assunto la natura umana;

l’Eterno è entrato nel tempo

e l’infinito si è lasciato circoscrivere.

Esulta, Dimora di Dio che brilli della luce della divinità!

“Ti saluto, o piena di grazia”:

la tua opera e il tuo nome

sono fonti di gioia più della gioia stessa.

Da te è venuta al mondo la gioia immortale,

il Cristo, rimedio alla tristezza degli uomini.

Esulta, Paradiso più felice del giardino dell’Eden

nel quale è germogliata ogni virtù

ed è spuntato l’albero della Vita.

(S. Teodoro Studita)


 

Preghiamo Maria

Aiutaci, o Madre, Regina nostra,
gloriosa Madre di Dio!
Ti preghiamo:

fa’ che i nostri cuori siano ricolmi di grazia
e risplendano di sapienza.
Rendici forti con la tua forza e ricchi di virtù.
Su noi effondi il dono della misericordia,
perché otteniamo il perdono dei nostri peccati.
Aiutaci a vivere rispondendo con l’amore all’Amore.
Questo ci conceda Gesù Cristo, tuo Figlio,
che ti ha esaltata al di sopra degli Angeli,
ti ha incoronata Regina

e ti ha fatto assidere in eterno accanto a Lui.
A Lui onore e gloria nei secoli.

Amen.

 

SCARICA IL FILE DELLA NOVENA COMPLETA