Novena dell’Immacolata: 30 novembre, Tutta bella

Pubblicato giorno 29 novembre 2019 - ARTICOLI DEL BLOG, La preghiera, Novene

imma
Condividi su:   Facebook Twitter Google

30 novembre

TUTTA BELLA

 

 

“Chi è colei che sorge, bella come l’aurora?”.

“Ti saluto, piena di grazia!”
 

Immacolata, dice anzitutto i fulgori dell’aurora.

Preservata immune dalla contaminazione originale, Maria è riempita di grazia fin dal primo istante del suo concepimento. Già nel seno materno, l’anima di Maria è pervasa di luce divina: dopo la morte di lunghi secoli, trascorsi nella colpa dei progenitori, si alza questa stella mattutina, limpida e pura, trasparente e inviolata, mentre il cielo trascolora nella promessa del giorno imminente.

Immacolata dice poi promessa e fiore candido di Redenzione.
Colei che, in vista dei meriti del suo Figlio Redentore, è stata preservata dalla macchia originale, ha avuto questo privilegio perché predestinata alla sublime missione di Madre di Dio.

Ella, che doveva dare una carne mortale al Verbo eterno del Padre, non poteva essere contaminata neppure per un istante dall’ombra dei peccato.

Infine, Immacolata dice visione di Paradiso.

Preannunzia l’alba di quel giorno eterno, e ci guida e sostiene nel cammino che ancora ce ne separa. Per questo l’inno liturgico Ave, Maris stella ha la dolce invocazione: Fa’ che, vedendo con te Gesù, con te sempre possiamo gioire.

A questo termine estremo, coronamento della vita di grazia, devono tendere i palpiti del nostro cuore e gli sforzi più generosi di cristiana fedeltà.

(san Giovanni XXIII)

Preghiamo Maria

 

O Vergine, bella come la luna,

delizia del Cielo,

nel cui volto guardano i beati

e si specchiano gli Angeli,

fa’ che noi, tuoi figli, ti assomigliamo

e che le nostre anime ricevano un raggio della tua bellezza

che non tramonta con gli anni,

ma rifulge nell’eternità.


O Maria, Sole del Cielo,

risveglia la vita dovunque è la morte

e rischiara gli spiriti dove sono le tenebre.

Rispecchiandoti nel volto dei tuoi figli,

concedi a noi un riflesso della tua luce e del tuo fervore.

Salvaci, o Maria,

bella come la luna,

fulgida come il sole,

forte come un esercito schierato,

sorretto non dall’odio, ma dalla fiamma dell’amore.

Amen.

Lascia un commento

  • (will not be published)