1 luglio, Commento al vangelo di oggi – dal Calendario del Patrono d’Italia, EBF Milano

Pubblicato giorno 1 luglio 2020 - ARTICOLI DEL BLOG, Il Vangelo di oggi

il vangelo di oggi
Condividi su:   Facebook Twitter Google

Che vuoi da noi, Figlio di Dio?

Sei venuto qui a tormentarci prima del tempo?

Due indemoniati furiosi escono dai sepolcri e corrono incontro a Gesù; essi vivono un’attrazione e una repulsione: «sei venuto a tormentarci?».

Così viene descritto il nostro rapporto ambiguo con la parola: attrazione e difesa; una lotta inevitabile tra desideri e timori. Ma ecco i demoni scongiurano e pregano come poi anche gli abitanti della città pregano Gesù di andarsene. Forte è il richiamano a tante nostre preghiere: preghiamo il Signore che faccia la nostra volontà, che ci custodisca nel male, e ci lasci vivere. In noi c’è sempre un po’ una mandria di porci, una zona di infedeltà; è lì che dimora il nemico, prima di precipitare.

Questa nostra zona di infedeltà deve essere abitata dalla verità, dalla fede, dalla fiducia. È in gioco la nostra libertà di dire: vieni, o allontanati.