23 giugno, Commento al vangelo di oggi – dal Calendario del Patrono d’Italia, EBF Milano

Pubblicato giorno 23 giugno 2020 - ARTICOLI DEL BLOG, Il Vangelo di oggi

il vangelo di oggi
Condividi su:   Facebook Twitter Google

Mentre Zaccaria officiava davanti al Signore, gli toccò in sorte di entrare nel tempio per fare l’offerta dell’incenso.

Tutta l’assemblea del popolo pregava fuori nell’ora dell’incenso.

Allora gli apparve un angelo del Signore, ritto alla destra dell’altare dell’incenso

 

 

Nella storia di ognuno esiste un incontro con Dio più significativo di altri; spesso inaspettato, sempre sorprendente. È Dio che decide l’incontro, sceglie il luogo e l’ora che non dimenticheremo.

Guardiamo Zaccaria: la sorte cade su di lui ed egli entra nel tempio; è un grande onore e il popolo, fuori, lo accompagna pregando. C’è una solitudine essenziale per il rapporto con Dio, ma c’è una folla in preghiera perché l’incontro sia fecondo, e dunque in fondo perché la vocazione di Zaccaria si realizzi.

La nostra bussola interiore punta sempre verso Dio e, se non siamo distratti o superficiali, ci guida in quella direzione. Dobbiamo pregare l’uno per l’altro, sostenerci perché sappiamo cogliere i passaggi significativi di Dio e ci lasciamo condurre con fiducia sulle strade a lui note.