29 giugno, Commento al vangelo di oggi – dal Calendario del Patrono d’Italia, EBF Milano

Pubblicato giorno 29 giugno 2020 - ARTICOLI DEL BLOG, Il Vangelo di oggi

il vangelo di oggi
Condividi su:   Facebook Twitter Google

E voi chi dite che io sia?

 

 

E voi? Chi dite che io sia? Voi che vivete con me, che condividete i miei passi e bevete le mie parole. Voi, miei prediletti, miei amici.

C’è un’urgenza nella tua domanda, Signore, tu hai bisogno di sapere: chi sei per me, qui ed ora, in questo momento della mia storia? Com’è la mia relazione con te? Sento così vicino Pietro il pescatore! Il mio cuore è pronto a riconoscerti figlio di Dio con il suo stesso entusiasmo, ma con la stessa sua paura le mie labbra sono pronte a disconoscerti. Perché anch’io, come lui, ti tradisco ed anch’io, come lui, alzo lo sguardo per incrociare di nuovo la tua misericordia.

Simone è davvero la pietra che sa intenerirsi perché ha sperimentato la tua tenerezza. Per questo è beato, perché ora sa, con serena certezza, che tu non ci abbandonerai mai.