6 luglio, Commento al vangelo di oggi – dal Calendario del Patrono d’Italia, EBF Milano

Pubblicato giorno 6 luglio 2020 - ARTICOLI DEL BLOG, Il Vangelo di oggi

il vangelo di oggi
Condividi su:   Facebook Twitter Google

Una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni, gli si avvicinò alle spalle e toccò il lembo del suo mantello.

Diceva infatti tra sé: «Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò salvata».

Gesù si voltò, la vide e disse: «Coraggio, figlia, la tua fede ti ha salvata»

 

 

Il vangelo di oggi ci presenta due miracoli di Gesù, incastonati l’uno nell’altro e strettamente connessi tra loro. Due donne, accomunate da uno stato d’impurità e da una condizione di morte, già avvenuta o simbolicamente rappresentata dalla perdita del sangue, sono restituite alla vita. Ciò che permette loro di rinascere è la comunione con Gesù: una lo tocca, l’altra si lascia toccare da lui.

È il duplice movimento della fede, che ci fa entrare in dialogo con colui che, come afferma l’acclamazione al vangelo, «ha fatto risplendere la vita per mezzo del vangelo».

Per ciascuno di noi risuona oggi l’invito a toccare il Signore, a lasciarsi toccare da lui, per essere presi per mano e condotti fuori dalla paura della morte che ci rende schiavi per tutta la vita.